mercoledì 30 ottobre 2019

Mamma cerca casa - Guia Risari, Massimiliano di Lauro

Trama: Mamma cerca casa e, si sa, la ricerca è tutt'altro che facile. Soprattutto perché lei non vorrebbe una casa qualunque, in un posto qualunque, con vicini qualunque. Mamma sogna e nel suo sogno, fatto con i piedi per terra, tutta la famiglia inizia a credere che ci siano utopie che possono diventare realtà. Già... perché questa casa è una casa aperta a tutti, in una città capace di accogliere tutti i popoli, con porte che si aprono su piazze nelle quali la gente si incontra, si stima, si rispetta pur nelle diversità di cultura, lingua e religione. Una storia intensa, poetica ed essenziale. Una storia in cui parola e illustrazione coniugano l'utopia e la realtà. Un testo dedicato a chi pur non trovando... continua a cercare!
Titolo: Mamma cerca casa
Autore: Guia Risari
Illustratore: Massimiliano di Lauro
Casa editrice: Paoline
Anno pubblicazione: 2019
1 v. illustrato
Questo libro inizia con una dedica che recita "Ai migranti di ogni luogo e al Paese di Utopia". Parole che mi hanno colpita e incuriosita. Chi non conosce il Paese di Utopia? Personalmente ci sono stata spesso e ci ritorno volentieri tutte le volte che non mi sento in sintonia con il sentire comune. Nel paese di Utopia, tra le pagine dei libri, tutto mi sembra più bello e possibile e io mi ritrovo in zona franca. A casa.
Viaggiando tra le pagine di questo albo illustrato ci immergiamo  in una storia che profuma di poesia. La nostra guida è il buffo bimbo raffigurato da Massimiliano di Lauro che a propria volta disegna e reinterpreta la realtà. Un sogno, un desiderio che si concretizza, la volontà di rappresentare qualcosa di diverso, un paesaggio del cuore e dei sentimenti. Mamma cerca casa e la vuole in un certo modo, cerca una casa ed un posto al mondo per se stessa e la propria famiglia. Sa come la vorrebbe questa casa: piccola e accogliente, per conservare e concentrare il meglio, bianca, con il mare  davanti e le montagne alle spalle, vicina al centro, ma non immersa nel caos, con vicini calorosi, in una piazza perché sono belle le forme rotonde che ospitano una chiesa, con un giardino grande, con alberi ed animali. Giorno dopo giorno questa mamma costruisce una casa con il pensiero, la cerca, come se esistesse, la plasma nella fantasia per donarla al proprio piccolo. La sua visione è sogno e creazione: regala il desiderio e la speranza di una vita migliore.
L'Utopia della dedica iniziale non è sterile, non è illusoria, ma segna un percorso, un'aspirazione, un azione da perseguire. Questo albo non si può spiegare, è necessario leggerlo, assorbirne le immagini , crederci e farsi rapire dalla sua atmosfera surreale e fatata. Le illustrazioni si fondono con le parole e le rendono pregnanti e al tempo stesso lievi.
L'ho letto nella mente una prima volta, poi la seconda ho acciuffato al volo mio figlio e ho lasciato che la mia voce avviluppasse anche a lui. A fine lettura mi ha dato un bacio, così, semplicemente. Perché anche lui ha subito compreso che le mamme le case le costruiscono prima nel cuore, poi nel mondo.
Ringrazio l'editore per avermi mandato questo albo illustrato e ringrazio ancor di più l'autrice per avermelo proposto.
Un'esperienza preziosa.











2 commenti:

  1. Al solito, questi albi m'incantano.
    Grazie per farceli conoscere! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Michele per la tua sempre delicata e gradita presenza tra le pagine di questo blog!

      Elimina