Quella notte sono io - Giovanni Floris

TRAMA
La memoria è un animale strano. Passi una vita a cercare di domarla, a convincerti che ci sei riuscito, e poi basta un attimo per renderti conto che sei solo un illuso. Per Stefano quell'attimo arriva insieme a un telegramma che lo porta indietro di ventisette anni, alla notte che lo ha reso l'uomo che è: una convocazione, di questo si tratta,, un appuntamento con il passato che non può più rimandare. Insieme a lui al casale, in quel tranquillo weekend estivo, ci sono loro, gli amici del liceo, ed è dalla maturità che non si vedono: Margherita, che come lui - lo capisce dalla luce nel suo sguardo - non si è perdonata, Silvia e Lucio, che invece si sono perdonati tutto, e poi Germano, che di quel gesto assurdo, forse, non ha ancora capito nulla. A riunirli è stata la madre di Mirko, il ragazzo troppo diverso da loro che in quella maledetta gita hanno trasformato prima in vittima e poi in nodo irrisolto di giganteschi sensi di colpa. Ma è subito chiaro che il pomeriggio sarà più lungo del previsto, perché, come su un palcoscenico, sfilano davanti ai loro occhi spaesati i protagonisti di quei giorni, in un processo finalmente in grado di mettere a nudo una verità che nessuno degli imputati ha mai immaginato. Giovanni Floris raccoglie le domande che ci pongono i troppi casi di violenza tra i giovanissimi e ne fa un romanzo sulla responsabilità che abbiamo nei confronti del nostro futuro. Perché non esistono vittime e carnefici se sappiamo riconoscere il diritto di essere tutti diversi.
Titolo: Quella notte sono io
Autore: Giovanni Floris
Editore: Rizzoli
N.pagine: 235
Anno di pubblicazione: 2016
ISBN: 9788817091862 
Un telegramma inaspettato riunisce in un casolare di campagna, isolato, cinque quarantenni che sono stati compagni di classe al liceo, il quintetto dei leader, quelli che si sentivano superiori a tutto e a tutti e che concedevano agli "altri" il privilegio di entrare nella loro cerchia solo per brevi momenti e spesso solo per far loro capire quanto fossero inadeguati.
Mittente del telegramma è la madre di Mirko, un loro ex compagno un po' ritardato, spesso bersaglio dei loro scherni. Durante l'ultima gita scolastica si verifica un tragico incidente: Mirko vola da un ponticello ed entra in coma. L'ipotesi più gettonata nelle chiacchiere da corridoio è che Mirko si sia buttato, in realtà si é trattato di uno scherzo finito male ad opera dei "fantastici cinque". Finita la scuola, loro di quello scherzo non ne hanno più parlato, continuando a vivere la loro vita, cercando di dimenticare. Nessuno di loro ha cercato di scoprire se Mirko in seguito a quell'incidente sia morto o meno e nessuno ha più dato loro notizie.
Ma ventisette anni dopo si ritrovano a fare i conti con quello che è effettivamente successo quella notte, e con quello che sono diventati, anche in conseguenza di quell'atto.
Con uno stile asciutto e un ritmo serrato, Floris ci racconta come i cinque protagonisti scopriranno che ognuno è la somma delle scelte che fa e dovranno riconsiderare il concetto di normalità, concetto che cambia radicalmente a seconda della prospettiva da cui si guardano le cose.
La tensione sale, tra rivelazioni inaspettate e la consapevolezza che nulla è ciò che sembra, fino al colpo di scena finale che sorprende e disorienta.
Un argomento molto attuale e un romanzo che andrebbe letto anche nelle scuole, per far comprendere che ogni azione provoca una reazione, non sempre quella che si prevede e non sempre verso chi pensiamo.
L'autore chiude dicendo: "Nelle mie intenzioni Quella notte sono io non è un racconto sul senso di colpa, ma sul senso di responsabilità. Sulla capacità di essere presenti a se stessi mentre si prendono le decisioni, prevedendo le conseguenze di quello che si fa. Comprendere l'importanza di ogni propria azione non è facile, è una qualità rara, così come lo sono essere in grado apprezzare le differenze e il coraggio di difendere quelli che, sul momento, sembrano essere i più deboli. Tra l'altro, prima o poi, capita a tutti di essere i più deboli; bisogna tenere duro, poi passa. E si capisce che nessuno è più forte dell'altro."
In effetti è molto più semplice rifugiarsi nel senso di colpa, anziché avere il coraggio di prendersi le proprie responsabilità, ma il coraggio forgia le persone, il senso di colpa le annienta ed è questo ciò che il romanzo ci illustra, offrendoci un ottimo spunto di riflessione.
Una lettura che si è rivelata una piacevole sorpresa.
VOTO

  



Commenti

  1. Quasi quasi ci faccio un pensierino, mi hai incuriosita! Baci.

    RispondiElimina
  2. Ciao Stefy!
    Bella la recensione, anche se la trama non mi ispira molto.
    E poi devo ammetterlo: detesto questo giornalista/presentatore e l'idea di leggere un suo libro proprio non mi attira! 😑

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jasmine!
      Ho trovato molto buona la scrittura di Floris, ma se già l'idea non ti solletica, forse è meglio se lo eviti. Un bacio

      Elimina
  3. Mi hai incuriosita moltissimo!
    E poi il tema è così attuale...
    Ci farò un pensierino!
    Bacio

    Nuovo post sul mio blog!
    Se ti va ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo hai ragione: il tema è anche troppo attuale.
      Baci

      Elimina
  4. Niente di più reale e scioccante, provato proprio sulla mia pellaccia che fortunatamente è una dura scorza impossibile da scalfire. Io ho risposto con uno schiaffo in faccia tornando padrona di me, purtroppo per ragazzi come Mirko è difficoltoso e forse impossibile.
    Hai egregiamente attirato la mia attenzione Stè, lo ordino subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere aver stimolato la tua curiosità. Io l'ho trovata una gran bella lettura e sono curiosa di sapere cosa ne pensi tu.
      Bacioni

      Elimina

Posta un commento