Le siamesi - Alessandro Berselli


Titolo: Le siamesi • Autore: Alessandro Berselli • Editore: Elliot Edizioni • Data di pubblicazione: 16 marzo 2017 • N.pagine 126 • Copertina flessibile € 14,50 • Ebook € 4,99

TRAMA
Un incontro casuale, un sabato sera che diventa una sfida contro la morte. Non è la prima volta che Ludovica, troppo ricca, troppo annoiata, baratta la sua vita con il pericolo e rimanda al mittente, Dio o chi per lui, la sua giovinezza, chiedendo in cambio rischio, adrenalina, competizione. Il baratro di Ludovica è la discesa in un vuoto esistenziale che rivela l'incapacità di trovare punti di riferimento e ragioni di sopravvivenza. Lucido diario di un fine settimana di follia dove nulla è quello che sembra, "Le siamesi" è un noir tagliente nel quale il lettore è costretto a cambiare continuamente prospettiva, una riflessione senza moralismi sul male di vivere e uno spaccato dello spleen contemporaneo, con una voce narrante che rifiuta il giudizio e si limita a fotografare, in una prosa spettrale, l'assenza di motivazioni che può muovere l'agire umano.


Come parlarvi di questo libro? È un compito veramente difficile, innanzitutto perché ogni volta che torno con la mente tra le sue pagine sento lo stomaco stringersi e il fiato venir meno, inoltre cercare far capire cosa sia significata questa lettura per me senza spoilerare è estremamente difficile.
Di che libro si tratta? Un noir? Un thriller psicologico? Forse entrambi, quello che so per certo è che è un pugno allo stomaco.
La vedete quella copertina? Quei due volti accostati, quel senso di complicità? Inizialmente mi aveva trasmesso sensazioni positive, ma una volta aperta si rivela una porta che conduce all'inferno. 
Fonte: web
L'inferno di una generazione alla perenne ricerca di emozioni forti, a qualunque costo; l'inferno di una coscienza che gioca a nascondino trovando sempre una valida scusa alla quale appoggiarsi gridando "tana!"; l'inferno di non riuscire a "sentire", qualunque cosa si faccia o si possieda.
"Le siamesi" è un romanzo che destabilizza, che spiazza il lettore capitolo dopo capitolo, che gioca con la sua mente portandolo a credere di aver già toccato il fondo per poi precipitarlo un gradino più sotto, a rimestare nella perversione di menti disagiate. 
È la storia di un'amicizia 
"per sempre, per sempre, per sempre, e ancora un po'"
Fonte: web
tra Ludovica e Laura, messa alla prova da un accadimento troppo grande che tocca in modo diverso le due personalità, minando le fondamenta di quel per sempre, sgretolandolo e allontanando le due ragazze lasciando però quel filo teso tra di loro, fatto di non detti, di riflessioni mai confessate, di colpe mai risolte, che riemerge prepotentemente durante un incontro casuale, una notte di discesa agli inferi senza ritorno, per loro e per noi che ne leggiamo.

"Le siamesi" è un romanzo che con un linguaggio asciutto e tagliente, che chirurgicamente taglia il superfluo, in poco più di cento pagine riesce ad imbrigliare il lettore e a fargli vivere un incubo dal quale non vorrà uscire nella speranza di trovare redenzione alla fine del viaggio, e che sfocia in un finale tanto geniale quanto scioccante, che lascia smarriti con l'impressione di volerne sapere di più, ma al tempo stesso rifuggendo altre parole. 
Comprendo che questa mia riflessione farneticante possa lasciarvi perplessi, ma per quanto possa impegnarmi non riuscirei a formulare nulla di diverso. Se amate le storie malate, le perversioni della mente umana, i colpi di scena, questo romanzo fa per voi!




Commenti

  1. Già in lista per colpa di Silvia.
    Lo rimarco, ho capito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia ci sta conducendo su strade malate. Hai capito bene ;)

      Elimina
  2. È tutto così lontano dal mio modo di essere che mi sa che lo leggo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È lontanissimo anche dal mio, fortunatamente. Ma una lettura che ho apprezzato molto

      Elimina
  3. Un libro piccolo e imbarazzante per l'abuso di marchi, di citazioni, di oggetti. Trama deboluccia, poiché non lascia intravedere un sogno, un idea, nemmeno la possibilità di immedesimarsi in uno dei personaggi. Luoghi freddi, rapporti umani non pervenuti. Non riesco a salvare nulla di questo capolavoro, neanche il fatto che versione kindle costa poco.

    RispondiElimina

Posta un commento