[Questa volta leggo...] I fidanzati dell'inverno - Christelle Dabos

Trama: In un universo composto da ventuno arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra vive Ofelia. Originaria dell'arca "Anima", è una ragazza timida, goffa e un po' miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatrice di un museo finché le Decane della città decidono di darla in sposa al nobile Thorn, della potente famiglia dei Draghi. Questo significa trasferirsi su un'altra arca, "Polo", molto più fredda e inospitale di Anima, abitata da bestie giganti e famiglie sempre in lotta tra loro. Ma per quale scopo è stata scelta proprio lei? Tra oggetti capricciosi, illusioni ottiche, mondi galleggianti e lotte di potere, Ofelia scoprirà di essere la chiave fondamentale di un enigma da cui potrebbe dipendere il destino del suo mondo.
 
Titolo: I fidanzati dell'inverno
Autore: Christelle Dabos
Casa editrice: E/O
Anno pubblicazione: 2018
Pagine: 504
 
 
Come volano i mesi, soprattutto quando l'inverno è alle spalle! Senza che me ne rendessi conto è già arrivato il momento del nuovo appuntamento della rubrica "Questa volta leggo..." ideata dai blog La lettrice sulle nuvole  e  Le mie ossessioni librose. Per il mese di aprile è stato scelto un libro fantasy!!!! A me i fantasy piacciono perché mettono in scena l'eterna lotta del bene contro il male e creano dei mondi fantastici dove le persone hanno dei poteri speciali (almeno una volta al mese cerco di spostare le cose con la forza del pensiero). Se poi all'interno hanno anche una storia d'amore  (ma non troppo sdolcinata) ancora meglio. Per la rubrica ho scelto I fidanzati dell'inverno, primo volume della serie l'Attraversaspecchi. Mi è piaciuto molto anche se prima di conquistarmi ci è voluto un po'.

Ho fatto la conoscenza di Ofelia ancora a novembre, ma qualcosa non ha funzionato e ho abbandonato il libro circa dopo 100 pagine. A ripensarci ora mi viene proprio da chiedermi "Perché???? Cosa mi passava per la testa????". Fortunatamente all'uscita del secondo volume ("Gli scomparsi di Chiardiluna") ho letto tante recensioni positive e in particolare l'opinione di una cara amica ha fatto sì che decidessi di riprendere la lettura. E' scattata la scintilla, seppur a scoppio ritardato. E' stata quasi una febbre: non mi sono potuta fermare prima di aver divorato le restanti pagine del primo volume, per poi correre dal mio libraio di fiducia per reclamarne il seguito ("Ho bisogno del libro della Dabos! Lo voglio ora, non posso aspettare!"). Che bella esperienza  leggere voracemente, desiderando di scoprire il prosieguo salvo poi sentirti un mezzo derelitto perché dovrai attendere almeno un anno per placare la curiosità. Eppure a dispetto di tutto, il tempo passa e quel momento deve arrivare. E io me lo pregusto. Certe attese amplificano il piacere.
Questo fantasy ha un altissimo tasso di originalità. In primo luogo costruisce dei mondi, le Arche, che sono a dir poco stranissimi. L'autrice però non è che li accenni frettolosamente, no neanche lontanamente, piuttosto questi mondi li cesella e li tratteggia con dovizia di particolari, tanto che alla fine ci fa cadere dentro anche lo stranito lettore che non se ne capacita e crede di esservi rimasto intrappolato, miniaturizzato in una di quelle palle di vetro con la neve finta. Quello della Dabos è un universo che contiene un universo, un quadro di Escher, un labirinto senza fine,  infinitamente affascinante.
Passiamo alla protagonista: Ofelia si fa conoscere per gradi, come un'immagine prima sbiadita che poi acquista colore e tridimensionalità. Timida e goffa, impacciata per poi rivelarsi coraggiosa, testarda, guidata da certezze su cosa si debba o non si debba fare, a dispetto di ogni cosa.  Che dire poi del futuro, recalcitrante marito Thorn? Solo che non incarna per nulla lo stereotipo del bello e tenebroso. Ha un naso a becco, è altissimo e pare sempre infastidito, ma quali siano i suoi veri pensieri non riusciamo mai a capirlo. Oltre a questa inedita ed improbabile coppia, che si deve sposare per mescolare nuovo sangue o per motivi che non svelo, ci sono tanti coprotagonisti che lasciano il segno e ti rubano il cuore, come le zie di Thorn e di Ofelia, il capppellaio matto che matto non è (afflitto da andromania o solo gran seduttore, vedete voi) e un amico improbabilissimo, ma leale ed affidabile. 
Non manca nulla in questa storia. C'è persino il crossdressing (pare si definisca in questo modo) che mi ha sempre tanto intrigata da Lady Oscar in poi.
Una lettura intensa, un'avventura che parte in sordina per poi accelerare. Ho già letto il secondo volume e confermo che siamo in salita, ogni cosa si perfeziona e trova un suo posto, persino la riflessione sul significato dell'uomo e di Dio.
Un'opera ambiziosa che suscita grandi aspettative, per il momento soddisfatte. Dove ci porteranno gli altri volumi è impossibile stabilirlo. Bisogna solo attendere con fiducia.
Questo libro ve lo consiglio caldamente e prendete nota che ho finito la recensione senza nemmeno scrivere la parola steampunk. O quasi.





Le altre recensioni della rubrica. A tutto fantasy:



Commenti

  1. Non sei la prima che sento dire che ha abbandonato il libro la prima volta e poi lo ha adorato la seconda, sai? Succede più spesso di quello che si pensi.
    Questo libro mi è piaciuto un sacco, così come il seguito, e non vedo l'ora di mettere le mani sul terzo volume!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo dovremo aspettare un anno e non sarà l'ultimo volume.

      Elimina
  2. Nonostante la mia paura nell'imbarcarmi in nuovi romanzi in serie, questa volta mi tocca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto per darmi il piacere di leggere poi la tua recensione! ;-)

      Elimina
  3. Sono contenta che ti sia piaciuto, io tergiversare ancora, fino al terzo poi vedo

    RispondiElimina
  4. Bellissima recensione! Questo libro mi chiama a gran voce! 😍

    RispondiElimina
  5. Lea riesci sempre a farmi sorridere! Questo romanzo è nel mio Kobo da un po', non mi sono ancora decisa a cominciarlo ma verrà il suo momento e spero davvero che lo apprezzerò!

    RispondiElimina
  6. Ciao Lea.
    Un genere che ho abbandonato da tantissimo tempo... ora mi invogli con questo romanzo, ma sapere che è parte di una serie mi frena assai... Anche perchè dopo Tolkien e la Mari... Però... però, intanto lo metto in lista.
    Ciao, Melusina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna sempre dare una possibilità ai nuovi autori! Potrebbero stupirci. Anche la Mari era giovane...una volta.

      Elimina
  7. Ieri ero al Carrefour e questo libro, accanto al suo degno compare, mi chiamavano a gran voce. Ero di fretta altrimenti li avrei agguantati al volo perché:

    A) Adoro le copertine
    B) Ho bisogno di fantasy scritti bene
    C) Sicuramente altri motivi vari ed eventuali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro le varie ed eventuali. E' un assessorato che potrebbe starmi bene. Già me ne occupo costantemente per lavoro.

      Elimina
  8. ho visto che nella mia biblioteca ce li hanno così mi sono messa in coda per la lettura, prima o poi arriverà e mi immergerò anche io in questo nuovo mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I buoni fantasy ti portano veramente sopra ed oltre. Sensazione bellissima. Poi mi dirai.

      Elimina
  9. Le copertine secondo me sono bellissime e mi stanno davvero chiamando a gran voce! La tua recensione è una conferma del fatto che va assolutamente letto! Grazie Lea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ludovica, è la terza volta che provo a risponderti, ma mia figlia si è chiusa in camera con il wi fi. Protesto, sono una madre maltrattata! Volevo solo ringraziarti e dirti che per me il passaparola è stato fondamentale e non me ne sono pentita.

      Elimina
  10. Io ce l'ho ma il fantasy mi spaventa sempre. Lo inizierò, prima o poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paura non avere Dolci. Fare non fare, non c'è provare! ;-)

      Elimina
  11. Me ne hanno parlato bene in tanti e mi sa che mi toccherà leggerlo al più presto 😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto aspetta che esca il terzo, così soffrirai di meno. Ciaoo

      Elimina
  12. Prima o poi io questo libro me lo prendo e lo leggo… Sai quando giri intorno a un titolo tipo mosca? bene questo e il suo seguito sono un'attrazione irresistibile, lo sfoglio ogni volta che entro in una libreria… prima o poi distraggo il marito e me lo prendo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure lo prendi in biblioteca e non devi neppure giustificarti con il marito. ;-)

      Elimina
  13. Il secondo è ancora più bello! Voglio il terzo!

    RispondiElimina
  14. Bellissima recensione! Mi hai fatto venire voglia di leggerlo, sono veramente intrigata, ho i libri in libreria e vedo se a Maggio riesco a infilare il primo fra le numerose letture. Da come ne hai parlato mi sembra di sentire le emozioni che mi aveva suscitato la serie di "Queste oscure materie", la trama è diversa, ma la potenza delle immagini e del messaggio mi ricordano tanto quei libri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chissà come si evolverà la storia. Sono molto curiosa.
      P.S. Bellissima la trilogia di Pullman.

      Elimina
  15. libro in lista da un bel po'. devo decidermi a leggerlo

    RispondiElimina

Posta un commento